POSTUROLOGIA

CHE COS’È?

La Posturologia studia il sistema tonico posturale, ovvero quell’insieme di leggi neurofisiologiche che regolano e controllano la postura. Gli ingressi posturali sono principalmente gli occhi e i piedi. Secondariamente la pelle e l’apparato stomatognatico (i denti e la lingua). I segnali provenienti da questi “ingressi” vengono elaborati da centri superiori. Vengono poi utilizzati per adeguare le risposte posturali che ci permettono di lottare contro la gravità e mantenere la stazione eretta. Infine consentono di opporsi alle forze esterne e mantenere l’equilibrio nel movimento.

L’ANALISI POSTURALE

L’analisi posturale è un potentissimo strumento grazie al quale il chiensiologo studia i meccanismi attraverso cui un soggetto si oppone alla forza di gravità.

Per analizzare la postura servono strumenti dedicati, conoscenze e capacità di leggerne ed interpretarne i risultati. L’insieme di questi elementi si chiama metodo, lo stesso che condividiamo con la Postural Equipe Academy e con centinaia di posturologi che hanno seguito la nostra formazione. Sottoporsi ad una analisi posturale è fondamentale per comprendere e misurare le cause dei nostri squilibri e pianificare la riprogrammazione del sistema tonico posturale attraverso la propriocezione e gli esercizi specifici. Quasi sempre una buona strategia posturale significa assenza di dolore e viceversa. 

L’analisi posturale è un esame che può essere svolto da chiunque anche e soprattutto in assenza di dolore, diventando così un potentissimo strumento di prevenzione. Non c’è un’età per sottoporsi ad un’analisi posturale anzi, più precocemente la si fa prima possono essere modificate quelle posture che in un futuro potrebbero ostacolare il normale svolgimento delle nostre attività.

LA RIEDUCAZIONE POSTURALE

Ri-educare, ovvero educare di nuovo. In campo motorio e riabilitativo significa sperimentare nuovamente situazioni positive in cui la postura era ben integrata nelle dinamiche quotidiane. La postura richiede una grande conoscenza e competenza; il chinesiologo conosce i meccanismi neurofisiologici che la regolano e questo risulta fondamentale per capire quale strategia adottiamo nel mantenimento delle nostre posture e per proporre le attività motorie più adatte per attivare i cambiamenti posturali. Una buona postura è sinonimo di armonia nel movimento e assenza di dolore. Gli elementi che non possono mancare in un percorso di rieducazione posturale sono: l’individualizzazione della proposta motoria servendosi di esercizi propriocettivi, esercizi di mobilizzazione articolare e fasciale ed esercizi di rinforzo muscolare. Il percorso di rieducazione posturale inizia con una valutazione del movimento e della postura per poi sfociare nella stesura di un protocollo di esercizi personalizzato.